Informazioni e servizi
per datori di lavoro
e lavoratori
del settore domestico
Fidaldo Federcolf CGIL-Filcams CISL-Fisascat UIL-TuCS

Condividi:

facebook twitter linkedin google email
Home page | Prestazioni | Pagina corrente: Sei un datore di lavoro
Prestazioni

Sei un datore di lavoro

Se sono stati versati contributi contrattuali per 4 trimestri consecutivi e raggiunta la soglia minima di versamenti pari a € 25, il datore di lavoro avrà diritto alle seguenti prestazioni:

PRESTAZIONE SU RESPONSABILITA' CIVILE IN CASO DI RIVALSA INAIL

Nel caso in cui l'INAIL agisca in rivalsa nei confronti del datore di lavoro per un infortunio indennizzato, CAS.SA.COLF rimborserà il datore di lavoro nei limiti e massimali sotto indicati.
- CAUSALI RIMBORSABILI
Per gli infortuni sofferti dai prestatori di lavoro, da lui dipendenti, addetti ai servizi domestici e dai quali sia derivata morte o una invalidità permanente, calcolata sulla base delle tabelle di cui al D. Lgs 23 febbraio 2000, n. 38 b) ai sensi del Codice Civile, a titolo di risarcimento calcolata sulla base delle tabelle di cui al D. Lgs 23 febbraio 2000, n. 38. Il rimborso opera anche per il c.d. “rischio in itinere”, se ed in quanto riconosciuto dall'INAIL. Dal rimborso sono comunque escluse le malattie professionali.
- CONDIZIONI
Per avere il rimborso è necessario che, al momento del Sinistro, il datore di lavoro sia in regola con gli obblighi per l'assicurazione di legge, naturalmente anche per il dipendente infortunato, a nome del quale deve essere regolarmente versato anche il contributo di assistenza contrattuale.
- MASSIMALI DEL RIMBORSO
Il rimborso erogato dalla CAS.SA.COLF, per i casi succitati, e per ogni singolo datore di lavoro iscritto, ai sensi dei precedenti articoli, è fino alla concorrenza del massimale di € 25.000,00 per ciascun sinistro e di € 25.000,00 per anno civile.

RESPONSABILITA' CIVILE VERSO TERZI

La copertura si prefigge di tenere indenne il datore di lavoro, in regola con i versamenti di contributi di assistenza contrattuale, di quanto sia tenuto a pagare a titolo di risarcimento quale civilmente responsabile ai sensi di legge (art. 2049 del Codice Civile) per danni, alla persona o alle cose, involontariamente cagionati a terzi da parte del proprio dipendente domestico durante lo svolgimento delle funzioni lavorative e durante l'orario di lavoro.
CAS.SA.COLF rimborsa le spese sostenute per un massimale annuo di € 25.000,00 (Euro Venticinquemila/00) nei seguenti limiti: € 5.000 (Euro Cinquemila/00) annui per danni a cose e € 20.000,00 (Euro Ventimila/00) annui per danni alla persona.
Ai fini del rimborso non sono considerati terzi le persone iscritte nello stato di famiglia del datore di lavoro e del lavoratore. Nel caso in cui il datore di lavoro desideri attivare la richiesta di risarcimento danni a terzi (RCT) deve comunicare per iscritto l'apertura del sinistro a CAS.SA.COLF entro i termini previsti dal Regolamento e allegando apposita documentazione
Non sono rimborsabili spese diverse dal mero danno a cose o persone.

Fermo restando quanto previsto dal regolamento della Cassacolf forniamo una sintesi che vi potrà servire per inoltrare le domande per la richiesta delle prestazioni:
  • Modulo Richiesta Prestazioni (MRI/DL) compilato e firmato;
  • Modulo Richiesta Dati (MRD/DL) compilato e firmato
  • Informativa e dichiarazione di consenso ai sensi della Legge 196/03 (MIC/DL) compilato e firmato;
  • Copia del documento di identità del dipendente in corso di validità;
  • Numero quattro (4) attestati dell'avvenuto versamento con regolarità e continuità dei contributi di assistenza contrattuale degli ultimi quattro trimestri;
  • Copia della denuncia della rivalsa INAIL
  • Copia di tutta la documentazione medica e legale per la quale si richiedono le prestazioni della CAS.SA.COLF
  • La domanda potrà essere spedita direttamente alla Cassacolf o tramite le parti sociali firmatarie del contratto di lavoro (A chi rivolgersi).

NOTE UTILI
1. Il diritto a presentare richiesta di prestazione scatta solo se in possesso di 4 ricevute di pagamento trimestrale consecutivo ( codice F2 ) e sia stata raggiunta la soglia minima di € 25,00.
2. In caso di ricovero ospedaliero avvenuto fuori dal territorio italiano, sarà necessario allegare copia della documentazione in lingua originale e la relativa traduzione libera in lingua italiana.
3. La domanda dovrà essere inviata entro 12 mesi dall'evento pena la decadenza.

Importante
• Le fotocopie dei documenti devono essere leggibili
• La compilazione dei moduli deve essere eseguita in stampatello
• Eventuali incomprensioni dello scritto potranno causare significativi ritardi nell'esame della pratica